Camastra 2020 – anno nuovo problemi vecchi

Anche a Camastra il Santo Natale e il Nuovo Anno sono appena  passati e per una sfortunata coincidenza entrambe le festività son cadute di mercoledì, giorno  – come tutti sappiamo – dedicato alla  raccolta di carta e cartone.

Durante le feste fra incarti di regali, regalini, ceste e cestini, scatole di panettoni , vini e spumanti vari, l’accumulo di carta e cartone non è stato per nulla indifferente e lìaccumulo in casa di rifiuti non è stato indifferente e dobbiamo tenerci tutto in casa per un’altra settimana ancora. Tre settimane in tutto.

Proviamo a pensare, solo per un attimo, se a Camastra avessimo già un’isola ecologica.

Avremmo caricato i rifiuti in macchina (carta e cartone o altro) e li avremmo depositati nell’isola ecologica. Tutto quì,  semplicemente.

Invece, quando si ha la malasorte di saltare – per un motivo qualsiasi- un turno di raccolta si è costretti a tenersi, per giorni e giorni, tutto in casa.

A questo punto, visto che il servizio non ce lo danno per beneficenza, porsi qualche domanda dovrebbe essere il minimo:

  1. Perchè a Camastra non hanno ancora installato e messo in funzione l’isola ecologica?
  2. Perchè a Canicattì già ci sono e a Camastra no?
  3. Alla ditta sono state imputate le penali previste in contratto per il ritardo nell’attivazione dell’isola ecologica e per eventuali altre inadempienze  accertate?

Non vogliono assolutamente essere domande provocatorie e chi paga il servizio – in questo caso i cittadini- hanno tutto il diritto di chiedere e ricevere risposte da chi deve -dovrebbe- amministrare/salvaguardare i loro interessi  o, almeno, così dovrebbe essere in un paese civile.  Ma la domanda è:

Siamo un paese civile, dove vige l’obbligo dei doveri e si garantiscono  i diritti ai cittadini? Lo siamo ancora? 😉

Segui su Fb #hashtag
#AdMaioraCamastra #CamastraSiamoNoi